You are currently viewing I rifugi di Macchialonga

I rifugi di Macchialonga

15 (2)

Questa abitazione situata nei pressi di Macchialonga potrebbe sembrare, a prima vista, una come tante, un po’ trasandata e dispersa nel nulla. Capita spesso di imbattersi in piccole case come quella nella foto mentre si cammina tra i boschi della Sila. Nonostante l’aspetto fatiscente e un po’ pericolante, una volta entrati si può osservare con grande stupore un ambiente molto ben organizzato con oggetti di uso quotidiano come letti, tavoli e un grande caminetto. All’interno si può ben notare, la larghezza delle varie stanze e la disposizione degli oggetti; suddivisa in due piani in modo tale da riuscire a dividere la zona giorno dalla zona notte.

23

La storia racconta che anni fa, negli anni ’70, nel cuore del Parco Nazionale della Sila, lo Stato abbia fatto costruire queste case o “rifugi” per i pastori che qui avrebbero dovuto soggiornare durante il periodo estivo, ma ciò non è mai accaduto e le case, con il passare degli anni sono state dimenticate, diventando pian piano delle vere e proprie rovine. In alcuni casi la parte esteriore è stata danneggiata dall’azione degli agenti atmosferici e, a volte, dal passaggio di vandali.

19

Chiunque passi da quella zona è il benvenuto ed ha l’opportunità di soggiornare fra quelle mura, l’importante è seguire alcune regole create da persone che hanno usufruito della casa in precedenza. I  primi che scoprirono questo piccolo alloggio trovarono all’interno una mucca che ne aveva fatto la sua casa  e senza pensarci due volte, decisero di mettere in ordine e far tornare a splendere quel posto. Chiunque passi da lì, ha l’obbligo di lasciare il posto pulito dopo averne fatto uso e deve rifornire la legna usata in precedenza.

Il luogo è magico ed aspetta chiunque voglia scoprirlo.

Lascia un commento