• My Nearest City

Oro

    Storia, cultura e tradizione si inseguono nei filamenti d’oro dell’arte orafa del maestro Angotti. Il laboratorio Angotti nasce dalla famosa tradizione orafa di San Giovanni in Fiore, un’arte che ha conquistato tutto il mondo per la sua originalità e precisione.

    Il successo dei gioielli Angotti è frutto del connubio tra il passato e il presente, gioielli rari ed irripetibili che raccontano una storia che sa di mistero.

    Le antiche creazioni dei maestri della rinomata arte orafa sangiovannese, si rinnovano nella manualità del maestro che crea pezzi unici e personalizzabili secondo il gusto della donna che avrà il piacere di indossarli.

    Il metallo non è solo metallo, l’oro non è solo oro, ma un mezzo per realizzare intuizioni artistiche. Per avvicinarsi quanto più possibile all’assoluto, respingere con forza le tentazioni di un’arte mondana, che ha più orecchi per la mercificazione delle idee che per l’ispirazione artistica. Riconosciuto dal “Dizionario del gioiello italiano del XIX° e XX° secolo” come uno degli artisti che più hanno contribuito a diffondere l’arte orafa italiana nel mondo, Giovambattista Spadafora appartiene ad una famiglia che lavora il prezioso metallo da oltre tre secoli. Alle tradizioni della sua terra, insieme ai suoi figli, ha dedicato intere collezioni di gioielli e argenti, corone, aureole e arredi sacri. Un’attività cospicua e ricercata, fatta con sacrificio e con grande convinzione, un’arte che si tramanda di padre in figlio, dalla fine del 1700, insieme agli storici attrezzi di famiglia. Da questo mix di tradizione e amore per la propria terra, fantasia e simbologia religiosa, nascono oggetti d’arte e gioie da indossare dedicate alla figura di Gioacchino da Fiore e alla sua opera, così come ai briganti e alla travagliata storia della terra calabra. Le loro opere raccontano sempre delle storie. Infondo è quello che fanno anche i poeti: parlano in silenzio e il mondo li ascolta per caso.

    Salvatore Crivaro, nasce a Crotone il 6 aprile 1984 ha passione dell’arte, manifesta già dalla tenera età di 5 anni, il disegno e la musica abbracciano la sua anima, il pianoforte è il suo strumento di espressione che lo porta ad esibirsi in vari concerti, sia da solista e sia con piccole orchestre. Per 10 anni sostiene questo trasporto musicale, ma in modo parallelo coltiva l’arte del disegno, che prendeva sempre più importanza nella sua espressione artistica. all’età di 10 anni, all’uscita della scuola di musica si sofferma davanti alle vetrine di una gioielleria osserva ogni singolo gioiello, rimase meravigliato della bellezza, d’eleganza e fascino che essi trasmettevano. E’ amore a prima vista, infatti rientrato a casa il primo pensiero è quello di imprigionare su carta quello che aveva visto, sentiva dentro di sé che qualcosa era cambiato, la voglia di adornarsi con gioielli maschili era più forte della musica stessa